Home » Blog » Test antidroga: quanti sono e a cosa servono

Test antidroga: quanti sono e a cosa servono

provette test droga

I test antidroga sono lo strumento con il quale è possibile trovare la presenza di sostanze stupefacenti o illegali nel sangue, nelle urine, nel capello (solo per citarne alcuni). Ci sono diversi modi per ricercare la positività alla droga, ma quello più comune e spesso affidabile è quello con un test delle urine.

Quali sostanze si individuano con un test antidroga

Droghe o stupefacenti che più comunemente si vanno a ricercare sono:

  • marijuana
  • oppiacei (come eroina, codeina, ossicodone)
  • cocaina
  • steroidi
  • barbiturici

I test antidroga si usano più comunemente di quanto si possa pensare: non sono solo delle “prove” per verificare se un atleta professionista è pulito, ma vengono utilizzati anche dalle forze dell’ordine, per testare l’eventuale positività a seguito di incidenti o di criminali, così come sul posto di lavoro. Si tratta solo di alcune delle circostanze possibili, che analizziamo di seguito:

  • Sul posto di lavoro: i datori di lavoro possono verificare con un test delle urine se un proprio dipendente ha assunto sostanze stupefacenti o comunque proibite, che potrebbero inficiare la produttività e la socialità all’interno dell’azienda
  • Società sportive: non è una novità, gli atleti professionisti, così come quelli che competono a livello universitario in competizioni nazionali o internazionali, devono dimostrare che non hanno fatto uso di droghe, considerate a tutti gli effetti doping, o altre sostanze proibite che migliorano a medio-lungo termine le prestazioni (falsando di conseguenza le competizioni)
  • Motivi giudiziari e di ordine pubblico: si tratta dell’utilizzo di test, spesso della saliva ma anche delle urine o del capello, per vedere, lato investigativo, l’eventuale positività alla droga di chi si è reso responsabile di un incidente stradale o di un crimine più o meno grave. L’eventuale positività è considerata a tutti gli effetti come una prova in un processo.

Il test “ufficiale” è quello fatto in laboratorio, con un costo piuttosto elevato – siamo sui 50 euro circa – e dai 3 ai 4 giorni per avere una risposta certa sulla positività. Generalmente è richiesto di eseguire una serie di pratiche successive: lavarsi le mani, la zona genitale, fare la pipì all’interno di un contenitore apposito, raggiungendo il limite richiesto (solitamente indicato con un segno orizzontale nella provetta), chiudere il recipiente e consegnarlo al tecnico di laboratorio. Di qui, bisogna attendere le analisi effettive e il responso.

Diverso è invece il discorso per i test antidroga fai da te, quelli che è possibile autosomministrarsi a casa, per verificare l’eventuale positività a una sostanza proibita. Spesso chi li utilizza lo fa per verificare la percentuale di principio attivo contenuto nelle urine, solitamente prima di sottoporsi a un test sul posto di lavoro o in laboratorio (e arriva naturalmente dalla consapevolezza di aver utilizzato sostanze psicotrope entro un certo numero di settimane dal test).

Test antidroga fai da te

Il test “casalingo” è rapido e cromatografico, ossia in base al colore che la linguetta presente all’interno del kit assume, si ha una risposta sul grado di positività; permette di individuare la presenza delle droghe più comuni e dei suoi metaboliti nelle urine. Si tratta di un test meno attendibile rispetto a quello effettuato in laboratorio – e non potrebbe essere diversamente – ma ha dei vantaggi che bisogna prendere in considerazione:

  • è molto rapido e non è necessario acquistare alcune strumentazione particolare, se non quella contenuta nella confezione acquistata al supermercato o in farmacia (è possibile trovarne anche nei distributori automatici)
  • costa poco: mediamente, con poco meno di 20 euro è possibile comprarne uno, alle volte se ne trovano di affidabili anche al costo di poco più di una decina di euro
  • l’attendibilità è comunque molto elevata: il test si serve infatti degli anticorpi monoclonali per verificare i livelli delle droghe contenute, per l’appunto, nelle urine.

Se i risultati del test antidroga sono negativi, significa che non sono state trovate tracce di principi attivi di sostanze stupefacenti nel corpo o che i loro livelli si assestano entro i limiti del consentito. Se invece i risultati sono positivi, da una parte è possibile che siano state trovate una o più droghe nell’urina, sopra certi limiti; dall’altra, può trattarsi di un risultato falso: ecco perché per avere la certezza del risultato, sarebbe meglio provare un test antidroga fai da te almeno un paio di volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.